uHelp

burger

FAQ

Q: A chi è aperta la piattaforma?

A: La piattaforma è aperta a tutti coloro che sono interessati ad aiutare chi è oggi impossibilitato a fare la spesa: anziani o persone in quarantena.

Tramite uHelp i richiedenti possono ordinare la spesa per se stessi o per persone a loro care (beneficiari) per poi affidarsi alla buona volontà di negozi o volontari, che completeranno e consegneranno la spesa a domicilio. Il tutto nella massima sicurezza.

Q: È necessario che i beneficiari abbiano competenze digitali?

A: Richiedenti, negozi e volontari devono avere accesso alla app uHelp.shop – ma non i beneficiari. La piattaforma è stata pensata infatti per agevolare anche le persone più anziane che potrebbero non avere le competenze e gli strumenti digitali (smartphone o connessione internet a casa).

Il servizio quindi mette in contatto richiedenti e negozi / volontari tramite la app.

Q: Come ci si assicura delle identità di tutti gli attori?

A: L’identità di ogni utente è verificata tramite verifica del numero di cellulare e della email, tramite l’invio e quindi l’inserimento in app degli stessi codici univoci.

Q: Esiste un catalogo di prodotti acquistabili su uHelp?

A: No, al fine di semplificare la formulazione e poi l’evasione degli ordini, il richiedente può entrare una semplice lista della spesa, come “1kg di pomodori, 2lt di latte parzialmente scremato, 1kg di pane etc…” fornendo però un budget massimo da seguire.

Q: Esistono limitazioni agli ordini?

A: Trattandosi di acquisti di prima necessità, si possono inserire massimo 10 prodotti (anche di quantità superiore ad 1 unità, ognuno) per una spesa totale inferiore ai €100.

Q: Come il negozio si assicura che l’ordine sia reale?

A: Crediamo nel fare del bene, soprattutto in questo periodo di emergenza. Pur tuttavia per proteggere tutte le parti coinvolte, quando il richiedente completa l’ordine, uHelp chiede autorizzazione al circuito della carta di credito del richiedente per l’addebito dell’importo della spesa.

Tale autorizzazione permetterà di addebitare l’importo solo dopo la conferma della consegna: fino ad allora un plafond inferiore o uguale appunto a €100 sarà congelato (e quindi non spendibile) sulla carta.

Q: Una volta inserito l’ordine chi può prenderlo in carico?

A: I negozi del circuito o semplici volontari che hanno dato la disponibilità nel fare consegne a domicilio, potranno visualizzare tutti gli ordini in prossimità e prenderne in carico uno o più di uno.

Quando l’ordine è preso in carico, l’ordine non sarà più visibile ad altri negozi o volontari.

Q: Come mi assicuro che i dati del beneficiario restino riservati?

A: I dettagli del beneficiario – incluso l’indirizzo esatto di consegna – non saranno visibili al negozio (o volontario) fin quando questi non completa la spesa e ne fornisce l’importo esatto. Questo dovrà essere inferiore o uguale al budget massimo fornito dal richiedente, a meno che non espressamente concordato da quest’ultimo.

Q: Cosa succede se la spesa ha un costo superiore al budget fornito dal richiedente? O se il negozio / volontario non ha tutti i prodotti dell’ordine?

A: Il negozio o il volontario dovrà informare il richiedente e chiedere la preventiva approvazione di eventuali variazioni sull’ordine (prodotti o max budget).

Dovrà comunque conservare copia dello scontrino da mettere nella busta della spesa (e preferibilmente farne una foto con il proprio smartphone).

Q: Come fa il negozio / volontario a conoscere l’esatto indirizzo di consegna?

A: Soltanto dopo aver completato la spesa ed avere inviato importo / ricevuta dell’acquisto, il negozio / volontario ha l’indirizzo esatto di consegna del beneficiario. Fino a quel momento il negozio / volontario sono sicuri che il beneficiario si trovi all’interno di un raggio definito dal negozio / volontario stesso, ma non conoscono appunto l’esatto indirizzo per ragioni di sicurezza.

Q: Quali sono le regola nella consegna? Vi é un contatto tra il volontario ed il beneficiario?

A: No nel rispetto delle indicazioni dei vari decreti ministeriali, la consegna avviene all’ingresso dell’abitazione del beneficiario e senza contatto. I nostri volontari avranno sempre mascherine e guanti – ma la spesa non verrà mai consegnata nelle mani del beneficiario.

Q: Come fa il negozio ad assicurarsi che la spesa sia stata realmente completata e consegnata?

A: A tal proposito si raccomanda che il negozio / volontario tengano sempre foto dello scontrino e del punto di consegna, in caso di eventuali ricorsi. Il beneficiario confermerà al richiedente (se una persona diversa) ricezione della spesa e importo dell’acquisto – entro 10 minuti dalla consegna. È solo in questo momento che l’importo totale verrà addebitato sulla carta del richiedente e i fondi trasferiti direttamente sul conto corrente del negozio / volontario e del fondo locale per la donazione.

Eventuali dispute dovranno essere risolte in prima battuta tra richiedente e negozio / volontario ed in seconda battuta tramite call centre uHelp.

Q: Quali sono i costi del servizio?

A: Il servizio di consegna è interamente gratuito – uHelp, i negozi aderenti ed i volontari non incassano alcuna commissione per il servizio.

Esistono però dei costi per le transazioni bancarie: in questa prima fase questi costi saranno offerti da Stripe – piattaforma di pagamenti online – che ha devoluto dei fondi a supporto della nostra causa.

In futuro e nel caso questi fondi dovessero esaurirsi, saremo costretti ad addebitarli al richiedente – in modo del tutto trasparente – durante la formulazione dell’ordine.

Q: Per quanto tempo l’ordine resta aperto in piattaforma?

A: L’ordine resta aperto fino a 5 giorni, dopo i quali se non preso in carico – l’ordine verrà rilasciato perché non sono stati trovati negozi o volontari che possano eseguire la consegna a domicilio. In quel momento anche l’intero plafond della carta verrà rilasciato, senza alcun addebito.

Q: Durante l’ordine viene richiesta una donazione: a chi va?

A: La donazione avviene direttamente dal richiedente al fondo di mutuo soccorso indicato dal Comune di residenza o il Fondo di Comune Mutuo Soccorso Nazionale. L’intera donazione – al netto delle spese operative – viene trasferita sul conto corrente di mutuo soccorso locale, a fine mese. uHelp non percepisce nulla per la transazione.

Q: Se come volontario ho un problema quando faccio la spesa perché non trovo i prodotti richiesti, cosa faccio?

A: Il negozio \ volontario possono contattare direttamente il richiedente per trovare prodotti alternativi. Se almeno una parte di questi saranno disponibili, il richiedente accetterà la spesa e l’importo ad essa associato – se questi invece non saranno affatto disponibili, il negozio \ volontario rilascerà l’ordine per far sí che un altro negozio \ volontario la possano prendere in carico. Ancora una volta nulla sarà addebitato al richiedente in questo caso.

Q: Che succede se nella spesa non trovo tutti i prodotti concordati? O semplicemente l’importo totale non coincide con quanto concordato?

A: Il richiedente ha 10 minuti per confermare con il beneficiario la ricezione dei prodotti ed eventualmente – in caso di controversie – bloccare il pagamento. In prima battuta il richiedente contatterà prontamente il negozio \ volontario per risolvere e nel caso contatterà uHelp customer service per la risoluzione (numero +39.02.xxx xx xx).

Per limitare il numero di ricorsi, si raccomanda sempre che il negozio \ volontario tengano foto dello scontrino e del luogo di consegna a dimostrazione rispettivamente della spesa e della consegna.

Q: Come fa uHelp a sostenersi?

A: uHelp é un’associazione senza scopo di lucro che si sostiene solo attraverso finanziamenti privati e di beneficenza. Nasce dal desiderio di sostenere da un lato le persone più deboli bloccate in casa, dall’altro di aiutare le attività commerciali locali, che stanno subendo un forte impatto sulle vendite. Queste ultime peraltro non hanno necessariamente la disponibilità di eseguire pagamenti online, offerta gratuitamente da uHelp. In questo scenario, uHelp cerca di mettere insieme domanda e offerta con un servizio totalmente gratuito.

Q: Il negozio e il volontario possono prendere in carico più di un ordine per volta?

A: Assolutamente sì. Nel momento che vengono visualizzati tutti gli ordini ancora non evasi – nel raggio di azione definito dal negozio \ volontario stesso in fase di ricerca – l’utente potrà selezionare uno o più ordini.

Q: Ho modo di notificare i volontari ed i negozi di eventuali allergie?

A: Assolutamente si, il richiedente può inserire delle note in merito ad eventuali allergie ed intolleranze del beneficiario. In questi casi si consiglia vivamente l’acquisto di prodotti confezionati cosí che il beneficiario potrà verificare tutti gli ingredienti prima di consumarli. Ricordiamo sempre che il servizio è benefico e totalmente gratuito: i nostri volontari e negozi faranno del loro meglio ma é responsabilità del beneficiario assicurarsi che i prodotti siano compatibili con le proprie esigenze.

Q: Posso dare ai volontari e ai negozi precise istruzioni di consegna?

A: Assolutamente si, il richiedente può inserire eventuali note (tipo “Citofonare Brambilla”) per la consegna. Queste verranno visualizzate soltanto dopo il completamento degli acquisiti ed insieme all’indirizzo di consegna.

Q: Come fare a contattarvi se ho qualche dubbio?

A: A causa dell’elevato numero di richieste, potete contattarci in uno delle seguenti modalità:

  • Form di contatto sul sito www.uHelp.shop
  • Mail a support@uHelp.shop
  • Support: +39.02.83982390 – disponibile ai seguenti orari
    • da Lunedi a Venerdi 09-20
    • Sabato 09-13 & 14-18
    • Domenica 09-12

Ultima modifica: 7 maggio 2020

Contattaci





Learn more

Un servizio no profit per le consegne a domicilio da parte di volontari e negozi locali, a supporto delle persone più deboli.

Per le richieste più urgenti Inviaci un WhatsApp